Marco Negroni

Qual è il senso della felicità oggi? Come possiamo entusiasmarci e attingere significato da un mondo che sappiamo imperfetto? In vino veritas…e in arte pure. Se l’arte è un riflesso del mondo attraverso cui possiamo contemplare cos’è veramente importante per noi, la creazione artistica non può limitarsi ad essere razionale, deve trovare il suo strumento di analisi in una nuova, sottile sensibilità. Ed è proprio la capacità di sorridere il denominatore che lega tra loro gli artisti invitati a questa mostra. Ciascuno di loro sa sorridere e sa utilizzare la propria sensibilità come una lente, attraverso la quale guardare ogni aspetto del mondo. Da questa ricerca di immediatezza sono nate dieci risposte esistenziali: dal “Mezzo bicchiere pieno”, al “Who Cares ?”, ad “Ancora uno”. Tutti gli artisti coinvolti sono partiti da love.wine per arrivare al conforto, alla “veritas” dietro al bicchiere di vino, quel piccolo spazio personale dove i valori sono un po’ più veri e la vita ha un po’ più senso. Quel luogo intimo d’esistenza che un bicchiere di vino e una compagnia adeguata possono aiutarci a raggiungere. Anche per questo abbiamo scelto, per dare vita a questa mostra, non un ambiente classico, austero, distaccato, bensì un contesto conviviale, ludico, collettivo. Un vino, un bar, degli amici. Una creazione progettata ai tavolini di un caffè, immersa nella vita di tutti i giorni. Una mostra come una bevuta tra intimi, dove, per una volta, il filtro della “veritas” è l’arte, anziché l’alcool. Questo è love.wine: un progetto nato da una sinergia peculiare tra le Cantine Santa Margherita, creatrici di nuovi vini, come il Pinot Grigio in passato e il Ca’ d’Archi oggi, il Jamaica di Milano, storico epicentro dell’arte contemporanea dagli anni ’50, e dieci artisti milanesi, giovanissimi ma già riconosciuti come emergenti. L’insieme di queste condizioni ha reso possibile l’avventura di love.wine: dieci opere commissionate a dieci giovani cui non è stato imposto nessun vincolo, né espressivo né di supporto.

Tema: ”love.wine”, obiettivo: dieci visioni.

MARCO NEGRONI

(docente di Software Art e Webdesign presso

l’Accademia di Belle Arti di Brera – Milano)