ivan quaroni

L’arte pop non è necessariamente la Pop Art. È una distinzione importante, che i critici e gli addetti ai lavori faticano ad accettare, continuando a collegare automaticamente ciò che è “pop” oggi, con ciò che è stato “Pop” ieri. La colpa è senz’altro della terminologia, che è inadeguata. Così, ogni volta che usiamo questo vocabolo (contrazione dell’aggettivo anglosassone popular) corriamo il rischio di essere fraintesi . La verità è che la nuova cultura pop contemporaneo ha poco a che vedere con la Pop Art storica. L’arte pop è diventata, invece, una categoria antropologica, cresciuta con l’evolversi della società dei consumi e diramatasi in tutti gli ambiti creativi, dal cinema al fumetto, dal design all’advertising, fino all’arte contemporanea.

Un’arte davvero pop, cioè popolare e dunque immediatamente comprensibile a chiunque, è quell’arte capace di servirsi di simboli e segni diffusi su scala planetaria. Naturalmente, nella odierna cultura globale questo meccanismo assume un’efficacia esponenziale. Le immagini utilizzate dai moderni artisti pop fanno appello ad un substrato di conoscenze comuni a tutta l’area occidentale e ad alcuni settori dell’area estremo-orientale. Internet è lo strumento attraverso cui immagini e simboli della cultura contemporanea vengono condivisi in tempo reale in ogni angolo del globo. I sette giovani artisti di Pop stuff sono esempi tipici di questa nuova e globale sensibilità pop. Una sensibilità, appunto, più che un’estetica, in grado di esprimersi attraverso diversi stili espressivi, adottando comunque un linguaggio iconografico semplice e immediato.

Agli eroi in calzamaglia della tradizione fumettistica americana sono dedicati i disegni di Giovanni Manzoni Piazzalunga (Cochabamba, Bolivia,1979), che ne da una versione prosaica e realistica, rappresentando il dolore e la malattia di personaggi come Capitan America, Daredevil e Wonder Woman

IVAN QUARONI